Bimbo di 5 mesi muore per una mamma disperata.

Il servizio di MamAssistant?

mamassistant

La MamAssistant è una donna che ha seguito un corso di formazione teorica di 100 ore con prevalenza di moduli ostetrici, psicologici e di puericultura. Il corso gestito dalla Cooperativa Baby360 è svolto in collaborazione con l’associazione culturale La Lunanuova, con la quale ha avuto inizio questo progetto nel 2012.

Le competenze acquisite (oltre alla personale esperienza) permetteranno alla MamAssistant di recarsi presso il domicilio della neomamma nel delicato momento del dopo parto (indicativamente nei primi 3 mesi dal parto ma se necessario anche dopo) e di creare con lei una relazione di vicinanza, condivisione accompagnamento e supporto.

La MamAssistant si prenderà cura della neomamma che a sua volta donerà cura al suo bambino, le fornirà aiuto pratico nella gestione delle fatiche quotidiane, le permetterà di riposare e l’accompagnerà nelle prime uscite. 

Attraverso l’ascolto attento del bisogno particolare di quella donna e nella condivisione della nuova quotidianità sosterrà la neomamma nello sviluppo del suo personale punto per la gestione della nuova situazione.

La MamAssistant lavora in collaborazione con la cooperativa e partecipa ad incontri periodici di coordinamento e di supervisione del lavoro svolto insieme alle colleghe.

L’esperienza di Barbara Lombardi, una MamAssistant: 

“dopo aver frequentato il corso di formazione che mi ha rilasciato un attestato (a seguito di un esame) ho avuto occasione, fino ad oggi, di seguire diverse neomamme.

Il bisogno principale che ho riscontrato in tutte loro è quello di avere compagnia (per me è incredibile constatare la solitudine nella quale si trovano le donne nel rientro a casa dopo il breve ricovero in ospedale a seguito del parto), unito a quello di ricevere accoglienza dello stato emotivo in cui si trovano che è un misto di felicità, fatica e disorientamento.

Ho trovato utile, al fine di permettere loro di vivere questo momento con maggiore serenità, alleggerire la loro fatica consentendo loro di dormire, collaborando nel fare la spesa, nella preparazione dei pasti e aiutandole a riportare ordine nell’organizzazione della giornata. Le neomamme che ho seguito chiedevano tempo da dedicare in serenità al loro bambino e qualcuna anche l’occasione per prendersi una ” boccata d’aria” in libertà.

Mi sono stati chiesti piccoli consigli pratici ma soprattutto ascolto, fiducia e neutralità di giudizio per lo sviluppo dell’autonomia decisionale nei confronti delle scelte che la responsabilità di una nuova vita comporta.

Ogni volta ho avuto modo di condividere momenti indubbiamente perturbanti ma ricchi di tenerezza e possibilità’ evolutive. Tutte le mamme ce la fanno e sanno come fare, ma a volte un eccesso di fatica può non fare emergere le forze presenti in ognuna di loro.

A volte basta sdrammatizzare un po’ o basta incoraggiare nel recupero di un allattamento o semplicemente essere presenti…

Lavoro in stretta collaborazione con la cooperativa, che mi permette di confrontarmi con specialisti che mi aiutano ad osservare le situazioni da differenti punti di vista dandomi la possibilità’ di portare alle neomamme contributi di riflessione interessanti.

Il traguardo che stiamo perseguendo, insieme alla cooperativa, è di diffondere e far conoscere sempre più questo tipo di servizio perché vogliamo riuscire ad essere di supporto al maggior numero di  neomamme e alle loro famiglie”

www.baby360.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *