Bimbo di 5 mesi muore per una mamma disperata.

Orario di lavoro ridotto

Ho letto qualche giorno fa della Premier in Finlandia che ha ridotto l’orario di lavoro a 6h al di per 4 giorni settimanali.

Dando così alle persone la possibilità di coltivare i propri interessi, passare più tempo con la propria famiglia, praticare sport, fare shopping, e perchè no…OZIARE!

Tutto ciò porterebbe sicuramente ad avere persone più soddisfatte, meno stressate e arrabbiate con la conseguenza positiva che renderebbero di più sul lavoro.

Al momento nella maggior parte degli uffici italiani si vedono persone che spesso si riuniscono davanti alla macchinetta del caffè perchè stanchi, forse anche annoiati e insoddisfatti…

Mentre sarebbe più intelligente offrire loro meno tempo per far le stesse cose quindi subentrerebbe la necessità di una miglior organizzazione magari iniziando e finendo prima avendo poi ancora quasi tutto il pomeriggio per gestire la propria vita personale.

Infatti se le persone sapessero di poter uscire prima sarebbero sicuramente più motivate a concentrare gli sforzi lavorativi. Considerando poi una pausa di 30 minuti per il pranzo e quei 5, 10 min in mattinata per un caffè e nel pomeriggio per un tè.

Ovviamente mantenendo lo stesso stipendio e si perchè le imprese dovrebbero iniziare a pensare in maniera differente impostando il lavoro dei propri impiegati su degli obbiettivi e non più sul tempo…es: “più obbiettivi raggiungi e più sarai premiato!” Non importa come e quando ma il risultato e’ quello che conta SEMPRE!

Basta parlare di orari.

Attualmente si crede che chi si ferma in ufficio fino alle 10:00 di sera è quello che lavora più di tutti. Purtroppo molto spesso non è così! Anzi bisognerebbe valutare le motivazioni che porta l’impiegato a lavorare fino a tardi perchè si potrebbe scoprire proprio il contrario.

Avere più tempo per se stessi vorrebbe dire anche più tempo migliore coi propri figli essendo sicuramente più tranquilli, sereni e rilassati. Oggi vediamo gente correre continuamente anche quando non è necessario perchè ormai è diventato lo “status symbol” dalla maggior parte della gente in questa società….

Ridurre l’orario di lavoro aumenterebbe eventualmente le turnazioni dando lavoro a più persone, e di conseguenza darebbe il tempo per spendere e aiuterebbe l’economia a girare!

Chissà se un giorno il governo italiano capirà il valore di questa eventuale manovra a mio avviso necessaria che faciliterebbe molte famiglie nell’organizzazione settimanale potendo finalmente contare di più su se stessi e non sempre dovendosi avvalere di terzi (asili, nonni, baby sitter…).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *